Taranto, il "quoziente punti" autorizza a sperare

Ieri  si è disputato il primo turno dei play off, ad eccezione di quelli del girone D e del girone G, dove erano in atto gli spareggi tra Pergolettese - Modena e  Avellino - Lanusei.

I risultati scaturiti al fischio finale hanno premiato tutte le squadre che giocavano in casa ed avevano,  a disposizione, due risultati su tre ad eccezione del girone  A  dove  le favorite liguri  Sanremo  e Savona sono  cadute al cospetto del proprio pubblico, lasciando semaforo verde a Ligorna ed Inveruno.

Anche nel girone E, il favoritissimo Ponsacco, nel match casalingo non è riuscito a superare il Gavorrano che affronterà nella finale, in trasferta, il Ponsacco. Come detto,  erano attesi i due spareggi tra i lombardi della Pergolettese e la recente nobile decaduta Modena, mentre il club d'Irpinia, l'Avellino, si confrontava con i sardi di Lanusei.

La squadra del quartiere di Crema, Pergoletto, a sorpresa batteva il Modena sia pure di misura, mentre con  un perentorio 2 a 0, i neroverdi avellinesi si sbarazzavano dei nuoresi di Lanusei. 

Ricordato che,  a titolo di cronaca, il Nardò ha battuto il Gragnano di Rosario Campania e quindi condannandolo alla retrocessione nell'Eccellenza campana e della pesante sconfitta, sul neutro di Angri, della Sarnese contro il Nola (1 a 3), club che accompagnerà nella discesa degli inferi il  predetto Gragnano,  dopo questo primo giro, la griglia del "quoziente punti" risulta la seguente:

Mantova                   2,44
Cerignola                   2,21
Lanusei                      2,18
Modena                     2,15
Matelica                     2,11
Taranto                       2,09
Adriese                       2,00
Turris                          1,97
Reggio Audace           1,97
Trastevere                   1,97
Ponsacco                    1,92
Rezzato                       1,91
Sassari Latte Dolce     1,87
Cassino                       1,81
Campopdarsego         1,76
Gavorrano                   1,68
Fanfulla                        1,67
Recanatese                   1,66   
Fiorernzuola                 1,65
Ligorna                         1,59      
Inveruno                       1,59
Marsala                         1,56

Dalla predetta griglia si evince che l'accesso alla finale del Taranto è stato un passaggio decisivo per l'ottica ripescaggio, in quanto attualmente club è sesto nella graduatoria nazionale, ma  tra le prime, il Lanusei ed il Matelica hanno già preannunciato il non interesse a presentare la domanda di ripescaggio e, tra quelle alle spalle degli ionici, solo la Turris (quella più a ridosso degli ionici e Reggio Audace, se arrivando in finale battesse il Modena) potrebbero aspirare al ripescaggio.

A  parere dello scrivente, qualunque sia il risultato di domenica (che speriamo sia un successo) l'alto quoziente punti, ma anche la possibilità, per la maggior parte del "parterre" degli ipotetici aspiranti al salto in terza serie  di non essere in grado di trovare risorse economiche adeguate al versamento del fondo perduto e di non avere un impianto tale da poterlo adeguare alle normativa della Lega C, autorizza da un cauto ottimismo che la nostra posizione sia invidiabile, a prescindere da quello che sarà il verdetto del Monterisi.

La società a tal punto, proprio con una missiva giunta dalla Segreteria Generale della Lega Pro, ha fatto sapere  che " venerdì 17 maggio  l'Ingegnere  Luigi Berardino Verzillo, effettuerà  alle ore 15.00 il sopralluogo da Voi (Taranto calcio ndr) richiesto presso l'impianto di gioco indicato  in oggetto (sopralluogo stadio società Taranto FC 1927 s.r.l. ndr), al fine di valutare gli interventi necessari per un possibile utilizzo nella stagione 2019 - 2020 del campionato di serie C.

Si richiede la presenza di rappresentanti del società Taranto calcio FC 1927 s.r.l.  e, se possibile, dell'ente proprietario dello stadio e dell'autorità competente per l'ordine pubblico.

Raccomandiamo inoltre  che, in occasione del sopralluogo, vengano prodotti i seguenti documenti se disponibili:

-Licenza di agibilità
-Ultimo verbale della Commissione Provinciale/Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo
-Collaudo dell'impianto di illuminazione
-Collaudo dell'impianto di videosorveglianza, se presente
-Planimetrie dello stadio e dei locali annessi (spogliatoi, ecc.)

Si precisa infine che, trattandosi di sopralluogo richiesto da società attualmente non in organico di Lega Pro, le spese relative Vi verranno addebitate.

Con i migliori saluti.
                                                                           Firmato  
IL SEGRETARIO GENERALE
(Emanuele PAOLUCCI)
Firenze, 13 maggio 2019"

Quindi tale sopralluogo, richiesto esplicitamente dal club ionico, è il passaggio propedeutico per adottare gli interventi (minimi nel caso dello Iacovone), per ottenere il passaggio nel campionato di serie C tramite ripescaggio con fondo perduto, a cui, come si evince, la società non si sta risparmiando, anzi sta profondendo risorse economiche e personali al fine di non farsi trovare impreparata, anzi allo scopo di regalare, alla Città tutta,  la realizzazione di quel sogno, pensato  a giugno 2018 che corrisponde ad una sola lettera dell'alfabeto, ovvero la C.

Prepariamoci quindi ad affrontare il match domenica prossima ed attendiamo il verdetto che, comunque vada, non ammazzerà la passionalità e la vicinanza della Taranto sportiva che,  anzi,  potrà far scattare la scintilla di una nuova pagina d'entusiasmo e voglia d'appartenenza ai magnifici colori rossoblu.

Fabrizio Di Leo